Carenza globale di semiconduttori: l'impatto sul mercato secondario mobile

semiconductor shortage chips

Nel 21° secolo viviamo in un mondo di semiconduttori. La carenza globale di semiconduttori emersa negli ultimi anni rappresenta una seria minaccia per il mercato dell'elettronica mobile. Da oltre un anno i produttori soffrono di una crescente carenza di chip. Come influisce sul mercato dei dispositivi usati e ricondizionati, leggete l'articolo di oggi. 

Le ragioni della carenza di semiconduttori 

Secondo il rapporto McKinsey, la carenza globale di semiconduttori è stata causata da una serie di ragioni. La formula principale della carenza è più domanda e meno offerta.

La domanda di smartphone, tablet, computer portatili e altri dispositivi che lavorano con Internet è cresciuta in modo significativo durante la pandemia. All'interno di ogni gadget è presente un chip speciale. Con l'aumento della domanda, non c'erano abbastanza pezzi per il loro assemblaggio, poiché le fabbriche erano inattive e senza personale. Al momento, il flusso di lavoro è stato quasi completamente ripristinato, ma le fabbriche non sono ancora riuscite a soddisfare il fabbisogno di semiconduttori. La situazione è stata aggravata anche dai problemi logistici del blocco, che hanno reso il trasporto merci un anello debole nella distribuzione globale dei semiconduttori.

Un altro problema ovvio è la carenza d'acqua. La tecnologia di crescita dei cristalli di silicio richiede un'enorme quantità di acqua. TSMC, leader mondiale nella produzione di semiconduttori, consuma in media circa 150.000 tonnellate di acqua pulita al giorno. Negli ultimi due anni, a Taiwan si sono già verificate gravi siccità.

Parlando sullo stesso riguardo, non si possono non ricordare le ragioni politiche. La guerra commerciale scatenata tra Stati Uniti e Cina sotto la guida del presidente Trump ha ridotto drasticamente la competitività delle ditte cinesi del settore, nonché del gigante informatico HUAWEI. Inoltre, avendo sperimentato una carenza prima di altri, i cinesi hanno iniziato ad acquistare massicciamente chip dai concorrenti, stimolando ancora di più la crisi.

Crisi di produzione

Di fronte a una grave interruzione dell'offerta e della domanda, i produttori di chip sono stati costretti a reagire con una rapidità imprevista per ristrutturare efficacemente la propria attività. Tuttavia, la carenza di semiconduttori ha ridotto la produzione di nuovi dispositivi e ha creato una carenza di beni per il commercio. Apple, il più grande acquirente di chip al mondo, ha ritardato di due mesi il lancio dell'iPhone 12; Samsung ha saltato l'uscita della nuova linea di smartphone Galaxy Note nel 2021.

L'industria automobilistica e le apparecchiature medico-diagnostiche sono tra i settori più colpiti. Stranamente, i produttori di gadget mobili si sono rivelati più protetti dalle "tempeste dei semiconduttori" rispetto alle industrie che sembravano meno legate all'elettronica, ma anche loro stanno attraversando momenti difficili.

"Il problema è che anche se manca un chip da 10 centesimi, non si può vendere un'auto da 30.000 dollari", ha dichiarato Gaurav Gupta, analista di semiconduttori presso Gartner.

Il mercato dell'usato è in crescita 

La crisi della produzione e l'aumento dei prezzi dei prodotti elettronici hanno messo in primo piano il mercato dei dispositivi usati e la popolarità dei programmi di permuta è aumentata. Le persone guardano ai dispositivi ricondizionati e usati come a un modo conveniente per aggiornare i propri telefoni risparmiando. Questa tendenza è tipica dei periodi di crisi. 

Secondo il rapporto trimestrale di Hyla Mobile, nel terzo trimestre del 2021 i programmi di trade-in hanno restituito ai consumatori oltre 757 milioni di dollari, con un aumento del 33% rispetto ai 571 milioni del secondo trimestre e ai 569 milioni dello stesso trimestre dell'anno precedente. 

Previsioni per il futuro

Per quest'anno non vale la pena aspettare che la situazione migliori. Questa opinione è stata espressa da Yu Jir Mi, vicepresidente del settore Ricerca e Sviluppo di TSMC. Secondo le previsioni dell'azienda, il problema rimarrà durante tutto il 2022.

Intel ha annunciato un centro di produzione di chip da 100 miliardi di dollari in Ohio, che dovrebbe essere il più grande impianto di semiconduttori del mondo. I primi due stabilimenti dovrebbero essere operativi entro il 2025. Anche Samsung e TSMC hanno in programma di espandere i loro investimenti negli Stati Uniti, ma i loro impianti di produzione non saranno avviati in Nord America nemmeno quest'anno.

Per le aziende che operano nel settore dell'elettronica usata, questa situazione significa che il mercato continuerà a crescere nel prossimo futuro.

Fissare la demo

Leggi anche

Exhibition offline events

Attività del dispositivo usato dopo il COVID-19: recupero degli eventi offline

Arina Zhuravel

Verso giugno 2022, quasi tutti hanno sconfitto la pandemia e stanno ritornando alla normalità, comprese le attività offline. Cosa succederà ora nel mercato dell'elettronica usata?

15 min di lettura

used phones nsys diagnostics

Diversify your Supply Chain as a Wholesaler and Get More Used Smartphones

Xenia Pavlova

Do you want to learn how to succeed in your trade-in endeavour when trying to get access to the end consumer as a wholesale business? Read on to find out more.

17 min di lettura

Fissare la demo
I nostri specialisti ti contatteranno per programmare una dimostrazione gratuita in italiano.

Acconsento a fornire i dati richiesti in questo modulo per contattarmi telefonicamente o via email. Consento che NSYS Group continuerà a memorizzare ed elaborare i miei dati in conformità con la sua politica sulla privacy.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Quale è il tipo della tua attività commerciale?










Come hai saputo della nostra azienda?










Come possiamo raggiungerti?



Quanti dispositivi testate
mensilmente?